Il COVID-19 e le implicazioni per l’immobiliare logistico

COVID-19 Report


Nel mondo interconnesso nel quale operiamo, eventi inattesi fanno emergere la necessità di poter contare su supply chain resilienti. Anche se l’entità dell’impatto del Coronavirus sulla crescita economica non è al momento quantificabile è molto probabile che vi saranno ripercussioni sul breve termine anche per il settore immobiliare. Le tendenze strutturali mostrano tuttavia una resilienza di fondo del settore degli immobili per la logistica, sia durante il periodo in corso che per il futuro, configurando lo scenario generale e sul fronte degli investimenti. Il COVID-19 è diventato per molti un catalizzatore nella ricerca di soluzioni alternative che potrebbero presto trasformarsi in realtà quotidiane (per es. privilegiando il telelavoro al lavoro in ufficio o l’e-commerce ai punti vendita fisici), e questo potrebbe quindi trasformarsi in una riduzione della domanda in alcuni settori immobiliari. Questa volatilità potrebbe tradursi in una domanda più elevata di immobili per la logistica (magazzini, strutture per l’e-commerce o l’industria 4.0). Con l’affermazione graduale di queste tendenze su vasta scala è probabile che i mercati finanziari reagiscano rapidamente e, a loro volta, riflettano questa differenziazione nella valutazione e nelle performance degli investimenti.

Argomenti Correlati