L’Urban Art prende forma al Prologis Park Lodi

Parklife

Pennelli, rulli, qualche bomboletta spray. Con incredibile rapidità stanno prendendo forma concreta le opere degli artisti ETNIK, FONT, HITNES, MADE, MACS, SEA CREATIVE, JOYS e VESOD presso il Prologis Park Lodi.

Quello che sorprende tuttavia non è solo la rapidità con la quale gli artisti stanno realizzando le loro opere ma anche la scala delle stesse. Angoli di 12 metri di altezza trasformati in pareti piane grazie al gioco di prospettiva, serbatoi dell’acqua che strizzano l’occhio alle opere di Andy Warhol, strappi e contrapposizioni che danno vita ad opere multidimensionali che contrastano con paesaggi onirici dove protagonista è la natura. E ancora opere che diventano tridimensionali grazie all’integrazione di elementi verdi e che affrescano una parete di 30 metri di lunghezza per 10 di altezza.

Ci si rende realmente conto della dimensione di queste opere solo quando vediamo dinnanzi a loro gli artisti al lavoro.

Ma come hanno reagito i frequentatori del parco rispetto alla trasformazione in atto?

“All’inizio non ho ben capito cosa stesse succedendo poi piano piano spinto dalla curiosità ho preso l’abitudine durante la pausa pranzo di sedermi per terra per seguire il progresso delle opere. Devo confessare che è piuttosto incredibile”.

“Frequento questo parlo logistico da anni, carico e scarico per CEVA due volte a settimana. Sono rimasto stupito da quanto sta accadendo. In attesa di ripartire ho iniziato a parlare con gli artisti e a seguire con attenzione il loro lavoro. Appaiono così piccoli in cima ai carrelli elevatori rispetto alle dimensioni delle pareti sulle quali dipingono”.

“Ho iniziato a girare per il parco durante le pause. Non lo avevo mai fatto in precedenza. Mi stupisce il contrasto di stili, così diversi tra loro. Vedere queste opere svilupparsi giorno dopo giorno è emozionante”.

Sei opere delle otto previste sono appena state completate. Nel corso della prossima settimana giungeranno a termine anche le ultime due dando così vita alla prima galleria di urban art a cielo aperto mai realizzata in un parco logistico. Un motivo di orgoglio per il team italiano di Prologis e per il cliente CEVALogistics che opera dal Prologis Park Lodi.

Argomenti Correlati